Intervista a Sandra Chiodi

Sandra Chiodi: leggeri...come carta

Li prendi in mano e ti accorgi subito che c' qualcosa di strano: quelli che sembravano oggetti di legno o di un materiale non ben definito sono leggerissimi.
Come se fossero di carta...Bella forza, sono davvero di carta.
Bracciali e collane scolpiti in un materiale che le persone normalmente usano per leggere, scrivere e buttano via con noncuranza.
E forse proprio questa la fortuna di Sandra Chiodi, trentenne ferrarese che proprio della carta che gli altri gettano si serve per le sue "creature".
Lei ricicla, impasta con la colla e trasforma quaderni e giornali, sacchetti e foglietti in gioielli poveri, volutamente semplici, addirittura monocromatici, per sottolineare la naturalezza del tutto.
"Mi sono sempre piaciuti i monili folk e popolari", dice Sandra, "come ho sempre amato giocare con la carta.
Odio invece, il lusso esagerato". E cosa c' di pi povero, di pi facile da trovare della carta?
Sandra lo ha capito subito e, dopo un tirocinio in una stamperia di Bologna specializzata in carte fatte a mano, ha messo a punto un sistema che mescola alle tecniche classiche nuovi ingredienti "speciali": le conchiglie, per esempio.
Una ricetta che Sandra non ha intenzione di svelare a nessuno.

Michela Gattermayer